Giustizia Riparativa

Monastero di Astino, Valle di Astino, Bergamo

Avvocato Roberta Ribon

GIUSTIZIA RIPARATIVA

L’esperienza del conflitto è universale. Tocca ogni singolo uomo e tutte le formazioni sociali, dalle più piccole come la Famiglia, alle più grandi, quali le Nazioni e spesso si accompagna a dolore, sofferenza e talvolta a violenza.

Fin dalle sue origini l’Umanità ha sperimentato diverse vie per attraversare l’esperienza del conflitto nel tentativo di evitare la deriva della violenza autodistruttiva.

Una di queste è proprio la Giustizia Riparativa, definita come “ogni procedimento nel quale la vittima e il reo, e se opportuno, ogni altro individuo o membro della comunità leso da un reato, partecipano insieme attivamente alla risoluzione delle questioni sorte con l’illecito penale, generalmente con l’aiuto di un facilitatore” – Basic Principles on the use of Restorative Justice Programmes in Criminal Matters (Ecosoc – Risoluzione 12/2002).

L’esito di un programma di Giustizia Riparativa può includere “risposte e programmi quali la riparazione, le restituzioni, le attività socialmente utili, aventi lo scopo di corrispondere ai bisogni individuali e collettivi e alle responsabilità delle parti e di realizzare la reintegrazione della vittima e del colpevole” – Basic Principles on the use of Restorative Justice Programmes in Criminal Matters (Ecosoc – Risoluzione 12/2002).

Nell’ampio orizzonte della Giustizia Riparativa, lo strumento principale e più utilizzato è la mediazione reo – vittima, ovvero “ogni procedimento nel quale la vittima e il colpevole sono messi in condizione, se vi consentono liberamente, di partecipare in modo attivo alla risoluzione delle questioni sorte dal reato attraverso l’aiuto di un terzo imparziale (mediatore)” – Raccomandazione (99)19 Consiglio Europa.

L’avvocato Roberta Ribon con crescente frequenza sperimenta l’applicazione di programmi di Giustizia Riparativa nel paradigma giuridico tradizionale, principalmente nell’ambito degli scenari normativi che ad oggi meglio si prestano a tali “contaminazioni” grazie alle timide aperture mostrate negli anni dal Legislatore:

  • il sistema penale minorile (DPR 448/1988)
  • il sistema delle competenze penali del Giudice di Pace (D. Lgvo. 274/2000)
  • il sistema della responsabilità amministrativa da reato delle persone giuridiche (D. Lgvo.231/2001)
  • la tenuità del fatto (art.131 bis c.p.);
  • la sospensione condizionale della pena (art.163 e ss. c.p.)
  • le misure alternative alla detenzione (O.P. e artt.27-118 O.P.)
  • la sospensione del procedimento con Messa alla Prova per adulti (art.168 bis e ss. c.p.)
  • altri istituti come l’oblazione speciale, la riabilitazione, il lavoro sostitutivo.

In questi casi, lo studio Legale Ribon collabora con il Centro di Giustizia Riparativa della Caritas di Bergamo, con sede in via Conventino n.8, di cui è membro dal 2005.

Per saperne di più visita Generatività Sociale

LE ULTIME NEWS SULLA GIUSTIZIA RIPARATIVA